liquidi nel bagaglio a mano

Liquidi nel bagaglio a mano? Quante volte avete sentito la domanda? Negli Stati Uniti le cose stanno per cambiare, almeno in quindici aerporti.

La Transportation Security Administration (TSA) americana ha annunciato che installerà in più di 15 aeroporti scanner per tomografia computerizzata entro la fine dell’anno. Questi scanner faranno parte di uno studio per cercare di capire se la tecnologia di imaging 3D sia grado di controllare efficacemente armi ed esplosivi senza richiedere ai passeggeri di rimuovere liquidi e laptop dal bagaglio a mano.

Questi scanner funzionano creando un’immagine tridimensionale. Gli operatori possono quindi ruotare ed esaminare le immagini degli oggetti ad un livello dettagliato. La TSA spera che l’uso degli scanner contribuirà a diminuire il numero di controlli dei bagagli a mano. I passeggeri potranno lasciare i propri oggetti nelle borse, riducendo i tempi e facendo, speriamo, diminuire le code.

Lista degli aeroporti USA dove si possono portare liquidi nel bagaglio a mano

La TSA ha annunciato che verranno dispiegate 15 unità nei seguenti aeroporti:

Aeroporto internazionale di Baltimora-Washington (BWI)
Aeroporto internazionale di Chicago O’Hare (ORD)
Aeroporto internazionale di Cincinnati / Northern Kentucky (CVG)
Houston Hobby Airport (HOU)
Aeroporto internazionale di Indianapolis (IND)
Aeroporto Internazionale John F. Kennedy (JFK)
Aeroporto Internazionale di Boston Logan (BOS)
Aeroporto Internazionale di Los Angeles (LAX)
McCarran International Airport (LAS)
Aeroporto internazionale di Oakland (OAK)
Philadelphia International Airport (PHL)
Aeroporto internazionale Phoenix Sky Harbor (PHX)
Aeroporto Internazionale di San Diego (SAN)
Aeroporto internazionale St. Louis Lambert (STL)
Aeroporto Internazionale Washington-Dulles (IAD)

L’amministrazione conta di avere 40 scanner in funzione entro la fine dell’anno e oltre 145 unità in totale nei vari aeroporti americani entro la fine del 2019.