Manca un minuto alla videoconferenza, il vostro gatto ha masticato il cavo delle e Skype o Zoom non vogliono connettersi. Cosa fare? Preparatevi in anticipo.

L’attuale pandemia ha trasformato la videoconferenza in uno strumento vitale sia per lavoro che per le
comunicazioni personali. A questo proposito, Kaspersky ha deciso di proporre 5 consigli per evitare
brutte figure ad esempio davanti al vostro capo o durante una lezione online.

Stranamente, la scelta dell’applicazione per le videochiamate è ben lontana dall’essere la parte più
importante. La maggior parte dei servizi offre caratteristiche simili e, a meno che non si abbiano
esigenze specifiche, è possibile utilizzare semplicemente ciò che è già presente sul sistema (o qualsiasi
altra app utilizzi la maggioranza dei partecipanti).

La maggior parte delle aziende ha i propri standard di videoconferenza e tende ad utilizzare una
specifica piattaforma, come ad esempio Skype, Google Hangouts, Zoom o Microsoft Teams. Detto
questo, andiamo al punto: cosa dovreste considerare per far sì che le vostre videochiamate vadano a
gonfie vele?

1. Preparatevi in anticipo per la videoconferenza

Non collegatevi all’ultimo minuto solo per scoprire che il vostro gatto ha morso il cavo della cuffia e la
telecamera ha bisogno di un aggiornamento del driver per funzionare. Accedete in anticipo alla vostra
app per le videochiamate, verificate che tutto sia in ordine e, in caso di problemi, avrete il tempo di
risolverli relativamente senza stress. Se usate un portatile o uno smartphone, non è una cattiva idea
assicurarsi che la batteria sia carica prima che la chiamata inizi.

2. Disattivate il microfono come prima cosa

Ricordatevi di disattivare il microfono quando non state parlando. Sentire sospirare o sbuffare in
sottofondo rende difficile la concentrazione e potrebbe non essere particolarmente apprezzato dal
vostro capo.

3. Assicuratevi di avere una connessione veloce e adeguata

A volte ci dimentichiamo di quanti dispositivi siano presenti in casa, collegati contemporaneamente a
internet. Poi, però, ci sorprendiamo quando, proprio nel momento cruciale, il suono si fa confuso e
l’immagine si trasforma in una nebbia di pixel.

Prima di iniziare un’importante videoconferenza, assicuratevi di aver eliminato dalla vostra rete la
“concorrenza” sulla vostra banda larga. Il tablet di vostro figlio che trasmette un cartone animato in
streaming in 4K, gli aggiornamenti di Windows e il download dei giochi possono aspettare fino alla fine
della chiamata.

Una connessione via cavo Ethernet di solito batte il Wi-Fi, soprattutto se vi separano dal router un paio
di pareti di cemento e l’etere è intasato dalle reti dei vicini che, come voi, sono collegati a Internet tutto il
giorno per i motivi più disparati.

4. Individuate le impostazioni e le caratteristiche che vi servono

Se non avete dimestichezza con l’applicazione che andrete ad utilizzare per la videochiamata e siete
proprio voi gli organizzatori, passate un po’ di tempo a studiare le impostazioni dell’applicazione. Su
Zoom, ad esempio, le impostazioni predefinite consentono ai partecipanti di condividere il proprio
schermo senza il permesso dell’organizzatore. Nei webinar aperti, questo può rappresentare un
problema e dare modo a qualcuno di fare anche qualche scherzetto poco simpatico, come ad esempio
quello di condividere immagini imbarazzanti.
Se non volete che la vostra videoconferenza venga interrotta in questo modo disattivate in anticipo
questa funzione, che può dare spazio a espressioni creative non desiderate.

5. Siate presentabili

Un tranquillo ambiente domestico può essere un piacevole cambiamento, ma non esagerate. Durante le
videoconferenze di lavoro, assicuratevi di indossare abiti adeguati (anche dal busto in giù, non si sa
mai). Non sdraiatevi sul divano durante una riunione seria, non giocate in sottofondo e non strimpellate
tranquillamente la vostra chitarra immaginaria mentre i colleghi parlano. Per non correre rischi,
comportatevi e vestitevi come se foste a una riunione tradizionale.

A tal proposito, la tecnologia moderna può dare una mano: alcuni servizi di videoconferenza consentono
di nascondere un ambiente sgradevole sostituendolo con uno sfondo virtuale. Ad esempio, Skype e
Teams possono offuscare lo sfondo, mentre Zoom va oltre e può offrirvi come sfondo una splendida
cascata o persino l’aurora boreale.

Tuttavia, ci sono due cose da tenere in considerazione. Prima di tutto, questa opzione può influire sulla
velocità della connessione, soprattutto se il vostro computer non è molto potente e, in secondo luogo,
bisogna considerare che la tecnologia ha i propri limiti. Lo sfondo creativo può essere in grado di
nascondere il vostro gatto che morde i fili, ma il risultato potrebbe sembrare un po’ strano. Quindi, il
nostro consiglio è di provare le diverse impostazioni e le opzioni qualche ora o qualche giorno prima.
Evitate i tentativi dell’ultimo minuto. In questo modo avrete tutto sotto controllo e saprete esattamente
quale sarà l’effetto che verrà visualizzato, evitando spiacevoli sorprese.