Mercedes Vision EQ Silver Arrow è la show car presentata a Pebble Beach in occasione della Monterey Car Week. La monoposto rende omaggio alla W 125, la famosa auto dei record del 1937. La verniciatura in argento Alubeam ricorda la storica Freccia d’Argento che, per ridurne il peso, venne privata della sua vernice bianca. Nell’abitacolo prevalgono materiali pregiati e tradizionali, come pelle, alluminio lucidato e legno di noce. La plancia digitale guarda invece al futuro, con uno schermo panoramico curvo dotato di retroproiezione e touchscreen integrato nel volante.

Mercedes Vision EQ Silver Arrow

Con il suo design pulito ed essenziale, Mercedes Vision EQ Silver Arrow interpreta il linguaggio formale della ‘Sensual Purity’ in chiave EQ. La silhouette aerodinamica di questa monoposto lunga circa 5,30 metri e alta circa un metro è slanciata, sensuale e leggera, grazie all’adozione della fibra di carbonio per la costruzione. L’esclusiva vernice ‘Alubeam’, le conferisce un aspetto ‘hot and cool’. La fibra di carbonio è stata inoltre utilizzata per altri componenti, come ad esempio lo splitter frontale, la mascherina anteriore e la fascia luminosa frontale della vettura. La grande scritta EQ, posta davanti alle ruote posteriori, è illuminata di blu, il colore che richiama il marchio a zero emissioni della Stella.

I cerchi a razze della Mercedes Vision EQ Silver Arrow, costituiscono un elemento stilistico innovativo, con i coprimozzi fermi e i cerchi parzialmente carenati. Le 168 razze di ogni cerchio sono realizzate in alluminio leggero e verniciate nella tonalità ‘Oro Rosé’, tipica dei prodotti del Marchio EQ.

A garantire una trazione eccellente e accelerazioni brillanti provvedono gli pneumatici slick nel formato 255/25 R 24 (anteriori) e 305/25 R 26 (posteriori). Il motivo a stella, realizzato sul battistrada grazie alla collaborazione con Pirelli, testimonia la passione e per i dettagli.

Il diffusore posteriore richiama il mondo delle corse, con i due spoiler attivi che non solo garantiscono carico aerodinamico al posteriore, ma fungono anche da aero freno, aumentando la resistenza in fase di decelerazione.